venerdì 24 giugno 2011

Laura fa il Pesto...Isabeau lo Ruba per creare nuovi Muffin!

Il Pesto:

Sono sempre stata un’estimatrice dei prodotti fatti in casa,devo dire che gli aromi aggiunti ed i grassi animali presenti in tantissimi cibi mi fanno orrore e ne mangio solo se costretta,quindi quando ho imparato a cucinare ho deciso che avrei provato a fare le cose da me,senza tante schifezze e senza aromi aggiunti ed il pesto è stata la mia prima”creatura”
Il pesto di cui vi propongo la ricetta ha al suo interno tutti alimenti naturali e non ha conservanti{infatti tenerlo in frigo per più di due giorni gli conferisce quella tonalità di verde scuro che il pesto del supermercato non ha}è buonissimo ed invoglia a mangiarlo anche così,con un cucchiaino per non parlare del profumo avvolgente che si sparge per la cucina ogni volta che si apre il frigorifero ove verrà conservato.



Ricetta per circa 6 personeQuello che ci occorre è:

6 mazzi di basilico in foglie grandi,
un bicchiere da pasto di olio,
una presa di sale,
una manciata di pinoli sgusciati,
4 noci,
8 cucchiai di parmigiano reggiano,
2 spicchi di aglio

Lavare e separare le foglie di basilico avendo cura di ripulirle da tutta la terra{sintomo di freschezza}spellare gli spicchi di aglio e grattugiare il parmigiano all’ultimo momento,pestare energicamente le foglie di basilico in un pestello possibilmente di marmo fino a ridurle in briciole finissime,quindi travasare il composto in una terrina di ceramica.Pestare i pinoli sgusciati e le noci{di cui avrete preventivamente tolto la pellicola}fino ad ottenere anche qui una polvere finissima,unirli al basilico e pestare l’aglio finemente ed unire nella terrina aggiungere l’olio il sale ed il parmigiano a pioggia e mescolare per qualche minuto fino ad ottenere una salsa il più omogenea possibile.
Chi ha poco tempo utilizza di solito il frullatore ad immersione,ma io lo sconsiglio perché le lame tendono a “gelare”il basilico ad accelerare cioè l’annerimento delle foglie anche se comunque chi non ha tempo per pestare e ri-pestare può affidarsi a questo elettrodomestico ed ottenere comunque un pesto fantastico.
Niente da più soddisfazione di usare salse ed ingredienti messi assieme con le nostre mani ed il gusto di qualcosa creato,preparato e cucinato da noi è qualcosa che si avvicina alla sublimazione,spero vorrete tentare anche voi e che continuerete a visitare il nostro blog anche perché abbiamo in serbo per voi altre ricchissime e golosissime ricette.
Pesto alla SicilianaPer la variante Siciliana del pesto,propongo la mia personale ricetta che spero incontrerà i vostri gusti:

Quello che ci occorre per il pesto alla Siciliana per 6 persone è:

6 mazzi in foglie grandi di basilico fresco,
6 pomodori San Marzano,
un bicchiere da pasto di olio extravergine,una manciata di pinoli,
una presa di sale,
8 cucchiai di Parmigiano Reggiano,
1 hg di ricotta freschissima di mucca,
6 olive nere sgusciate
1 spicchio d’aglio fresco

Come nel pesto alla Genovese pestiamo il basilico nel pestello,allo stesso modo trituriamo i pinoli,facciamo scottare i pomodori ed aggiungiamo le olive triturate,quindi aggiustare di sale,aggiungere l’olio,il sale ed il parmigiano.
Quando i pomodori sono ormai morbidi,poniamoli nel pesta pomodoro e riduciamoli in polpa per poi integrarli nell’impasto già ottenuto al quale in ultimo inglobiamo la ricotta e lavoriamo a lungo fino ad ottenere una crema omogenea e compatta da conservare in frigo per un massimo di due giorni per la presenza di ingredienti estremamente deteriorabili come la ricotta.



...E Isabeau ruba il Pesto:

Ah i Muffin, che adorabili e versatili amici che sono.
Questa variante salata, nella sua forma Mini è ottima come Finger Food o un Aperitivo gradevole, il basilico con il suo profumo e il gusto dolce salato dell'impasto accompagnano ben volentieri diversi tipi di bevande.
Io ve li consiglio con un buon Prosecco ghiacciato, oppure un bel Bloody Mary!



Ricetta:

2 Uova medie
150 g Farina 00
8 g di Lievito per dolci
Una Presa di Sale
15 g di Zucchero semolato
50 ml Olio <io ho messo 50 ml di margherina>
Due cucchiai di Pesto a vostra scelta


Se vi piace potete aggiungere del Basilicospezzettato grossolanamente e dei Pinoli in più.
Io ne ho fatto un terzo tipo senza Pesto, aggiungendo un trito di Olive e Capperi.

Esecuzione:

Sbattete le uova con il sale e lo zucchero, mentre in un'altra ciotola setacciare la farina con il lievito.
Una volta sbattute le uova unire la margherina e creare una crema soffice a cui si aggiungerà la Farina setacciata con il Lievito.
Con una spatola pulite bene i bordi della ciotola per amalgamare  tutti gli ingredienti a cui verranno agiunti i due Cucchiai del pesto che si preferisce, oppure il trito di Olive e Capperi.
Imburrare e infarinare lo stampo per i Mini Muffin, io ne ho usato uno in silicone, molto veloce quando si tratta di sfornali visto che non uso i pirottini.
Il Forno deve essere preriscaldato a 180°, e i Muffin devono cuocere  15/18 minuti. Mi raccomando saggiateli sempre con il sistema dello Stuzzicadente .

Il profumo di basilico è invitante, il dramma è che uno tira l'altro senza tregua..

E con i Mini Muffin partecipiamo al Contest di A Tavola con Mammazan

6 commenti:

  1. anch'io ho preparato il pesto in casa..piantando x tempo una piantina di basilico...sono d'accordo con te quando dici che se riusciamo a farci da noi le preparazioni si mangia + sano....devo provare i muffins al pesto...grazie della ricetta e buon we :)

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo con grazia in cucina,....non sempre e tutto è possibile ma cerchiamo di fare del nostro meglio!!! La piantina anzi quasi un cespuglio di basilico ce l'ho......riesco a fare il pesto anche per questi sfiziosi muffins!!!
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Il nostro prossimo passo: Lievito Madre...:) è qualcosa che mi affascina moltissimo.

    RispondiElimina
  4. Piccolo consiglio: non foglie grandi per il vero pesto genovese, ma piccole.
    Addirittura la tradizione vorrebbe si usassero le 3 foglioline centrali.
    Parmigiano sì....ma indispensabile il fiore sardo.
    Noci? Beh, forse in una versione più personale(e interessante) che non genovese.....parola di cuoca ligure DOCG!!

    RispondiElimina
  5. :) Grazie Fabiana per i Tuoi consigli che di certo Laura terrà in conto per una preparazione più fedele al Pesto della tua meravigliosa terra, dove sappiamo che è una punta di diamante, soprattutto il Basilico deve nascere e crescere con l'aria che spira dal vostro mare ^_^!

    RispondiElimina