mercoledì 21 settembre 2011

A volte basta un gesto carino e dei Biscotti al Kamut Soffiato

Da Laura:

Eh già, a volte basta un gesto carino come ricordarsi una promessa per far capire che si è nei pensieri di qualcuno.
Nel posto dove lavoro devo essere onesta sono tutti molto prodighi di gentilezza nei miei confronti, ovviamente ci sono quelle 2/3 persone che si elevano oltre la massa con carinerie e sorrisi quotidiani,ma oggi una tra gli altri mi ha fatto omaggio di un dono prezioso: un barattolo di marmellata al limone fatto da lei.
Il mondo delle marmellate fatte in casa mi ha sempre affascinato anche se un po’ per pigrizia un po’ per paura di far rapprendere insieme alla marmellata anche la cucina stessa {magari bruciando tutto >.<} non ho mai tentato.
Questa marmellata in particolare ha solleticato la mia golosità latente {lo dico sempre di essere una golosa borderline} perché fatta con una delle cose che adoro: i limoni.
Di limone io abuso, lo metto quasi ovunque e specialmente sulle verdure, lo metto sulle mele smith {si lo so, qualcuno dirà che quelle sono già aspre per conto loro} ma in effetti prediligo l’asprigno aroma anziché la dolcezza smielata {con orrore di Isabeau invece più portata per la dolcezza classica e corposa}, ma d’altronde io preferisco l’aspro anche nei profumi,nei bagnoschiuma…
Comunque alla base di questa sorpresina di oggi, c’è la soddisfazione di sapere che oltre alle persone deputate ad amarmi {mio marito,la mia famiglia,i miei amici,le mie gatte} ci sono persone che magari non me lo dicono, ma fanno poi quel piccolo gesto appunto che mi mette tra i loro pensieri e questo a dispetto di questo pazzo mondo di corsa è davvero molto bello.

Da Isabeau:
In questa estate  afosa ormai giunta al termine è bello riuscire a "rubare" un pomeriggio di sole chiacchiere. E dove Laura riceve un bel barattolo di marmellata fatta in casa, noi portiamo un nostro piccolo pensiero ad una cara amica. Un pomeriggio su un bel terrazzo tra le  colline dietro la Portuense qui a Roma, dove per fortuna spira un  venticello piacevole. E come dono, da parte del Forno acceso per l'occasione, ecco i biscotti che ho inventato per sperimentare il Kamut in una versione particolare. Soffiato ricoperto di miele. Buoni anche  nel latte per colazione questi chicchi soffiati, ma sui biscotti che rimanevano morbidi erano una croncantezza piacevole.



Dosi per una ventina di Biscotti:

200 g di Farina 00
50 g di Fecola di Patate
100 g di Burro Freddo
100 g di Zucchero di Canna
1 Uovo
Kamut Soffiato al Miele a piacimento

Ricetta:

In una ciotola ponete l'uovo e lo zucchero, sbattendo fino a creare una crema chiara. In un'altra setacciate insieme la farina e la fecola, prima di aggiungerle all'impasto. Mescolate con cura evitando grumi, l'impasto sarà ovviamente denso e appiccicoso, a cui, con le mani, aggiungete il burro tagliato a tocchetti, il fatto di essere freddo vi aiuterà ad impastare meglio. Una volta amalgamato il burro, pulitevi le mani, infarinatele leggermente e formate con l'impasto delle palline grandi come noci, su cui porre  il Kamut. A piacimento, potete persino passarle tra i chicchi e riempirli completamente.
Poi sulla placca del forno ponete un bel foglio di carta da forno, oppure se l'avete quei fogli di silicone e disponete i biscotti ben distanziati l'uno dall'altro perchè tendono ad allargarsi in cottura.
io ho messo la temperatura del mio forno elettrico a 160° per 15/20 minuti





I Consigli del Forno:

Quando usate la carta da forno per evitare che se ne vada in giro mentre cercate di porre i biscotti su questa, mettete un pochetto di impasto, di quello che avanza sempre sulle pareti della ciotola ai quattro vertici della carta, si terrà bella ferma!

10 commenti:

  1. Che buoni questi biscottini... se ne avessi qualcuno domani mattina a colazione farei l'invidia di tutti i miei colleghi... che sarebbero più gentili del solito per strapparmi qualche biscottino dalle mani.

    RispondiElimina
  2. Ilaria si,calcola saresti blandita x poi vederti"soffiare via i soffiati"ahahahahahahah baciotto dal forno^_^


    Laura Fds

    RispondiElimina
  3. Adoro i vostri racconti a quattro mani, trasmettono sempre una sensazione di calore e intimità come solo la vera amicizia sa trasmettere :)
    Sono indecisa se addentare il biscotto nella parte del kamut al miele o di lasciarlo per l'ultimo morso... (il secondo in pratica...)Forse provo in tutti e due i modi.

    RispondiElimina
  4. Con tutte le marmellate che faccio mi fa sempre piacere quando me ne regalano un barattolo...
    Sono certa che questi biscotti andrebbero alla grande qui in casa..
    Adatti anche per regalarli a Natale, che dici??
    Baci

    RispondiElimina
  5. La "Lemon curd" io la preparo a Natale, da regalare agli amici, quindi ben venga la marmellata fatta in casa, belli i biscotti, ciao SILVIA

    RispondiElimina
  6. bei biscotti, bel post, ottimo blog
    A.

    RispondiElimina
  7. @Ann:
    Grazie! Io e Laura condividiamo questa amicizia ormai da più di 30 anni, praticamente da tutta la vita, e senza credo saremmo perdute e meno felici :)

    @Mammazan:
    Secondo me è un dono carico di calore e amore!

    @Sississima:
    :D noi siam pigre ce le facciamo regalare!

    @Fragoliva:
    Grazie! Vieni a trovarci quando vuoi!

    RispondiElimina
  8. Ciao, molto bello il vostro blog, adoro i biscotti fatti in casa...se vi va potete dare un'occhiata al mio blog, di ricette di dolci stranieri: http://cakes-and-words.blogspot.com/

    A presto!
    Vale

    RispondiElimina
  9. Ciao, mi piace questa ricetta e la proverò al più presto!!

    RispondiElimina